anna18.12.2011

VALENTINA ENEA, – DANILA LAGUARDIA, – LEONARDO CAMPANELLA, – MARZIO BADALA’, ALESSIA SPATOLIATORE. LUCI: MARCO SANTORO. FONICA: ALESSANDRO UCCELLO

regia di Giuditta Lelio

Produzione: compagnia stabile Teatro Lelio

“Penso che tutto si volgerà nuovamente al bene,
che anche questa spietata durezza cesserà,
che ritorneranno l’ordine la pace, la serenità”

La regia dello spettacolo si muove dalla prospettiva in cui gli eventi sono vissuti e narrati dalla protagonista: quei due anni di clandestinità prima della deportazione nel campo di concentramento sono descritti nelle sue pagine con trepidazione, ma la sua vita non si rassegna alla condanna; Anna vive il timido approccio con l’amore, si scopre giorno dopo giorno più adulta, prova gli aneliti dell’adolescenza senza che restrizioni, leggi razziali, guerre riescano ad impedirlo perché lei è davvero più forte, e lo sarà anche quando della sua forza resteranno a rendere testimonianza solo le sue parole scritte su un diario. In pochi metri quadrati di spazio, come sotto una lente d’ingrandimento si muovono i personaggi, avvengono scontri, liti, si vivono malumori e momenti lieti.
Lo spettatore non assisterà ad un’opera sulla deportazione degli Ebrei, ma vivrà, insieme ai personaggi della vita di Anna, una storia, a tratti anche poetica e gaia che narra uno spaccato di vita quotidiana struggente poiché ne conosciamo la tragica fine.
E’ uno spettacolo per non dimenticare uno dei periodi più oscuri della nostra storia recente, che rende testimonianza della ferocia che ha sconvolto l’umanità, ma che ci racconta la forza che ogni essere umano trova in sé, quando sa cogliere nella miseria la bellezza della vita.

Teatro Lelio
Domenica 18.12.2011 Ore 18.00

Durata: 1h30′