DANILA LAGUARDIA in “La voce umana”

ANTONELLA FERRARI in “Più forte del destino”

MARCO BALIANI in “Kohlhaas”

Prosa – appuntamenti stagione 2015/2016

MARIA ROSARIA OMAGGIO in “Le Parole di Oriana”

ASCANIO CELESTINI in “Storie e Controstorie”

ANTIGONE di Giuditta Lelio

DONNE D’AMORE UCCISE /contro il Femminicidio

ott
1
gio
Prosa – appuntamenti stagione 2015/2016
ott 1 2015 @ 21:30 – apr 15 2016 @ 21:30

STAGIONE TEATRALE 2015/2016

 

cartellone2
CAMPAGNA ABBONAMENTI

SETTEMBRE E OTTOBRE 2015

 

Il Teatro Lelio riapre la stagione con tante novità, tante emozioni, e tanto Teatro!

MARIA ROSARIA OMAGGIO,  ASCANIO CELESTINI, MARCO BALIANI,

ANTONELLA FERRARI, DANILA LAGUARDIA, GIUDITTA LELIO…

e ancora…

Laboratorio teatrale finalizzato alle realizzazione dello spettacolo ANTIGONE di Sofocle, nella rielaborazione di Giuditta Lelio, previsto nel nuovo cartellone della stagione 2015/2016 del Teatro Lelio.

Il laboratorio partirà ad Ottobre 2015 ed è rivolto ai giovani interessati al mondo del teatro, dai 18 ai 30 anni d’età.

 
E poi molte iniziative in cantiere per i più piccoli e tanto tanto tanto Teatro!!!

Un Cartellone ricco di qualità e di prestigio!

 

venerdì 20 Novembre ore 21.30

MARIA ROSARIA OMAGGIO in “Le parole di Oriana”

“Oriana è una donna che sorprende per complessità, dimostrandosi aggressiva e fragile, generosa ed egocentrica, cupa e spiritosa, timida e indomita, femminile fino all’ eccesso ma capace di imbracciare un mitra o sfidare un Ayatollah togliendosi il chador”

 

venerdì 11 dicembre ore 21.30

ASCANIO CELESTINI in “Storie e Controstorie”

“Ascanio Celestini ha composto le tessere di un puzzle sentimentale, emotivo politico, sociale di formidabile intensità: solo in scena, come sempre, affronta di petto le contraddizioni, i nodi, le tensioni di questa Italia.”

 

venerdì 18 dicembre ore 21.30

GIUDITTA LELIO in“Antigone”

Emblema dell’emancipazione femminile e della libertà di coscienza che si contrappone ad ogni forma di sopraffazione, che sacrifica la vita per dare sepoltura la fratello contrapponendosi all’arroganza del potere.

 

venerdì 12 febbraio ore 21.30

DANILA LAGUARDIA in “La voce umana”

Un’anima divisa in due…Un atto, una camera, un personaggio, l’amore, e il comune accessorio dei drammi moderni, il telefono.Il celebre atto unico del grande autore, Jean Cocteau, ripercorre drammaticamente la parabola dell’amore finito.

 

venerdì 4 marzo ore 21.30

ANTONELLA FERRARI in “Più forte del destino”

“Una donna si trova a riflettere sulla propria condizione di disabile. Un viaggio emotivo nel personale mondo di Antonella e in quello di tuti i disabili del mondo, dove lo sguardo dei normodotati si intreccia a quello di chi la diversità la vive in prima persona”

 

venerdì 18 marzo  ore 21.30

MARCO BALIANI in “Kohlhaas”

“…fantasia, liberta, immaginazione sono gli ingredienti che hanno dato vita alla parabola di un uomo che conosce la giustizia solo nel momento in cui viene giustiziato e che ha come antagonista un principe che è pronto ad umiliarsi per possedere il potere”

 

venerdì 15 aprile ore 21.30

Lotta contro il Femminicidio  DONNE D’AMORE UCCISE 

“Una denuncia civile che il Teatro è chiamato a testimoniare. spettacolo ideato e diretto da Giuditta Lelio che affronta questa dolorosa priova di scrittura. un percorso difficile e spaventoso, un viaggio nel complesso universo femminile attraverso la letteratura di tutti i tempi: da Sofocle a Shakespeare fino alle cronache attuali”.

 

ABBONAMENTO A 7 SPETTACOLI : 80 euro – ridotto 65 euro

BIGLIETTI PER I SEGUENTI SPETTACOLI:
 
MARIA ROSARIA OMAGGIO / ASCANIO CELESTINI/ MARCO BALIANI/ ANTONELLA FERRARI :
INTERO 20 EURO – RIDOTTO 15 EURO
 
ANTIGONE/ LA VOCE UMANA/ DONNE D’AMORE UCCISE :
INTERO 13 EURO – RIDOTTO 10 EURO
 
 

per tutte le info potete chiamare al botteghino 091.6819122 

da lunedì a sabato dalle ore 9.00 alle 13.00 

e consultare il nostro sito Teatrolelio.it 

logo facebook

feb
26
ven
Enzo Rao & Shamal -Bonvoyage@TeatroLelio
feb 26 @ 21:30 – 23:15

Il prodotto musicale che ne scaturisce, pur affondando le proprie radici nelle musiche popolari della Sicilia, dei paesi balcanici, nordafricani e mediorientali, è fortemente influenzato dalla musica della formazione giovanile di Enzo Rao quali il jazz e il rock.

enzo rao

Enzo Rao- violino, oud, saz, e-set

Giuseppe Viola- clarinetti, sax soprano, flauti

Romina Denaro – contrabbasso

Massimo Frasca- batteria e percussioni

Aki Spadaro – pianoforte

mar
4
ven
ANTONELLA FERRARI in “Più forte del destino”
mar 4 @ 21:30 – 23:00

ANTONELLA FERRARI

Più forte del destino

 2737278-antonella-ferrari-piu-forte-del-destino-a-lug-l-vaoaiw

Tra camici e paillette La mia lotta alla sclerosi multipla

Regia di  Arturo Di Tullio 

Dopo il grande successo del libro pubblicato nel 2012 da Mondadori, giunto alla sua quinta edizione e per il quale ha ricevuto il Premio Albori nella sezione Teatro, Antonella Ferrari porta sul palcoscenico l’omonimo adattamento teatrale della sua prima opera letteraria Più forte del destino – Tra camici e paillette la mia lotta alla sclerosi multipla. Sul palcoscenico Antonella racconterà, non senza emozionare, la sua storia, la sua lotta, la sua vita vissuta pienamente. Non lo farà con i toni drammatici ma, al contrario, raccontandosi in modo ironico e divertente per un totale di circa settanta minuti. Lo spettacolo vuole portare sul palcoscenico la disabilità, tema poco trattato dai registi teatrali, senza renderla però la protagonista assoluta. Sarà una comprimaria e verrà raccontata con la leggerezza degna di una commedia agrodolce! La sclerosi multipla è una malattia invalidante che colpisce il sistema nervoso centrale e che affligge, soprattutto, i giovani con un’incidenza sulle donne del doppio rispetto agli uomini. Quale modo migliore del teatro per sensibilizzare su un tema cosi delicato? Lo spettacolo si rivolge non solo a chi la malattia la conosce bene, perché ne soffre o perché conosce qualcuno che la vive, ma anche a chi non conosce questa patologia e non conosce il mondo della disabilità in genere! Il monologo di Antonella toccherà sì la malattia ma anche il modo in cui questa si riflette sul quotidiano di ognuno di noi: dal lavoro agli affetti, fino ad arrivare alla discriminazione che spesso ne consegue. Lo spettacolo vuole dare un insegnamento forte, quello per cui la malattia, come tutte le difficoltà che il destino ci pone davanti, va affrontata per quello che è, come una sfida con noi stessi che possiamo vincere. La difficoltà può e deve diventare un occasione di ricerca, per noi e per gli altri, di nuove occasioni e di nuove strade, poiché come la vicenda di Antonella insegna, non cambia l’obiettivo che ci si era preposti, cambia solo la traiettoria per raggiungerlo.Quella di Antonella vuole essere una voce che, attraverso lo spettacolo dal vivo e l’ironia, possa giungere a un più ampio numero di persone, tra cui quelle malate che spesso vivono in solitudine e in isolamento, perché arrivi a loro il messaggio che non sono soli e che la loro condizione è soprattutto condivisibile. Antonella, negli anni, è diventata un punto di riferimento importante per le persone in difficoltà ed è per questo che lo spettacolo sarà un grido corale per un unico obiettivo: vivere e non sopravvivere! È questo che Antonella vuole raccontare nel suo spettacolo: la normalità della sua vita nonostante un handicap. Lei non si sente diversamente abile… lei si sente… semplicemente abile.

mar
18
ven
MARCO BALIANI in “Kohlhaas”
mar 18 @ 21:30 – 23:00

MARCO BALIANI

Kohlhaas

Marco_Baliani

Regia di  Remo Rostagno e Marco Baliani

tratto dall‘opera “Michael Kohlhaas” di Heinrich von Kleist

con Marco Baliani

E’ stata una sfida bella e difficile trasferire in narrazione e parola orale un universo così lontano e complesso come quello della parola scritta di Kleist. Con Remo Rostagno, ci siamo messi alla ricerca di una nuova forma ove far precipitare l’anima della vicenda, che fin dall’inizio ci aveva affascinato. Le domande senza risposta, che solleva la storia di Kohlhaas (cos’è la giustizia, quella umana e quella divina, e come può l’individuo ricomporre l’ingiustizia) fanno parte, profondamente, dei percorsi della mia generazione, quella segnata dal numero di riconoscimento ’68.

Marco Baliani

“…Fantasia, libertà, immaginazione sono gli ingredienti che hanno dato vita alla parabola di un uomo che conosce la giustizia solo nel momento in cui viene giustiziato e che ha come antagonista un principe che è pronto ad umiliarsi per possedere il potere. Una lezione di vita impartita da pochi gesti che all’interno di un’ora si ripetono instancabilmente divenendo segnali capaci di portare la mente dello spettatore su binari precedentemente abbozzati ma in attesa di una definizione. …Per ironia della sorte il cerchio troverà la perfezione soltanto sul finale, nel cappio a cui verrà impiccato Kohlhaas. Ma la morte non fa del protagonista un vinto ma un eroe che ha capito che non è il rosso del fuoco e del sangue che riscatta la giustizia ma lo stabilire un’armonia interna. Questa deve essere governata non da un diritto legislativo da cui i più sono esclusi, ma da un credo a cui essere pronti a sacrificarsi con onore…”

Adriana Morlacchi

apr
1
ven
Anna Bonomolo&Folkage Etnoband- Bonvoyage@TeatroLelio
apr 1 @ 21:30 – 23:30

È una ricerca musicale mediterranea che parte dalla tradizione folk-pop della musica popolare siciliana arrangiata con le sonorità dei folk del sud del mondo.

anna bonomolo &folkage

Anna Bonomolo – voce

Diego Spitaleri – piano

Gianni La Rosa – percussioni

Sebastiano Alioto – batteria

Innocenzo Bua – fisarmonica

Aldo Messina – basso 

apr
15
ven
DONNE D’AMORE UCCISE /contro il Femminicidio
apr 15 @ 21:30 – 23:00

DONNE D’AMORE UCCISE

Testo e Regia di Giuditta Lelio

donne 11

 con

Danila Laguardia e Micaela De Grandi

Spettacolo  ideato e diretto da Giuditta Lelio che affronta questa dolorosa prova di scrittura, attraversando un percorso difficile e spaventoso, perchè il teatro è da sempre chiamato a testimoniare la verità.

Vuole così entrare nella trama dei fili intrecciati del complesso universo femminile, viaggiando nella letteratura di tutti i tempi: da Antigone a Desdemona fino alle cronache attuali.

In scena un abito da sposa, simbolo della donna, della vita di coppia, dell’unione, dell’appagamento emotivo dell’innamoramento, della passione, e due donne, che daranno voce ad altre che, uccise, non possono gridare il loro diritto alla vita.

Facebook-SLIDES